Giorgio Albiani

 

 

la registrazione

      

                                CATENA DI REGISTRAZIONE 
           DIGITALE

                                   Giorgio Albiani

 

           - Terza parte -

Statistiche webCasella di testo: 24 bit  Guitar Recording

Il presente sito non costituisce testata giornalistica, né ha carattere periodico, essendo aggiornato in relazione alla disponibilità e alla reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale, ai sensi della Legge n. 62 del 7-03-2001. Le fotografie pubblicate su questo sito, salvo diversa indicazione, sono copyright dei legittimi autori.

Tutti i materiali  pervenuti a ChitarraeDintorni.eu : foto, file audio/video, documenti word, pdf, jpg et similari non saranno restituiti in alcun modo.

 

 

MICROFONARE UNA  CHITARRA

Tecniche Stereofoniche di Ripresa

  OSS, ORTF, NOS, Faulkner, Blumlein o Stereosonic, Coincidenti o Quasi Coincidenti, M/S, Distanziti, ecco le tecniche principali.

 

Possiamo classificare le tecniche stereofoniche in:

-Microfonatura distanziata

-Microfonatura coincidente

-Microfonatura quasi coincidente

 

 

La polarità come sopra specificato, è un elemento determinante nella scelta della tecnica di registrazione.

 

 

 

Tecnica con microfoni distanziati

 

Sono usati prevalentemente due o tre microfoni omnidirezionali posti, su di una linea parallela, frontalmente alla sorgente sonora.

La distanza tra essi può variare da 90 cm a 3 mt e nel caso di tre microfoni a 1,5 mt uno dall'altro (Fig. 5).

Questa tecnica darà un suono molto caldo e piacevole, ma potrebbero verificarsi delle controfasi soprattutto alle basse frequenze;inoltre l'immagine stereofonica non sarà estremamente chiara.

 

 

 

Tecnica con microfoni coincidenti

 

Due microfoni Cardioidi angolati a 90°

 

Restituiranno un'immagine stereofonica piuttosto ristretta. L'ambiente sarà posizionato prevalentemente al centro dei monitor.

 

 

 

Due microfoni Cardioidi angolati a 135°

 

Restituisce un immagine stereo sarà più ampia con riverberazione diffusa uniformemente.

 

 

 

Due microfoni Cardioidi angolati a 180°

 

Daranno un suono centrale più sfuocato e sarà esaltata la riverberazione ai lati estremi dei monitor.

 

 

 

 

Blumlein o Stereosonic

 

Tecnica inventata negli anni trenta dall'inglese Alan Dower Blumlein. Usa due microfoni bidirezionali (figura ad otto) coincidenti angolati a 90°. Ha come caratteristica la perfetta localizzazione degli strumenti nel panorama stereofonico e un'accurata estensione della riverberazione oltre che a un realistico senso di profondità.

 

 

                                   

 

 

M-S (mid-side)

 

Si usano 2 microfoni:

1 uno centrale cardioide (M) in asse con la sorgente sonora

2 un bidirezionale (S) con le capsule rivolte ai lati.

 

Il segnale M viene assegnato al centro, mentre il segnale S viene sdoppiato ed assegnato uno a sinistra e l'altro a destra, quest'ultimo con la fase invertita.

 

Risulterà cosi: canale sinistro = centrale + laterale (L=M+S)

 

Notevole la spazialità e la quantità di riverberazione ambientale dosabili aumentando o dimi nuendo i due canali laterali

 

Di colore leggermente freddo il risultato.

 

                 

 

         Continua...