REALIZZAZIONE VIDEO Annamaria Curcio

 

 

 

MUSICISTI:

 

BACHIR GARECHE Voce, darabukka e bendir

 

FRANCESCA LORIA Voce

 

RENATA MEZZENOV SA Voce

 

MASSIMO BIANCO Chitarra flamenco

 

FEDERICA SANTORO lira calabrese

 

FRANCESCO STUMPO Chitarra acustica

 

 

 

Registrato e missato presso YARA RECORD di CATANZARO

Tecnico del suono LUCIO RANIERI

 

 

Produzione YARA RECORD

 

 

 

 Massimo suona una chitarra Mario Grimaldi

            Federica suona una lira calabrese Ettore Santoro

 

 

Questo brano è stato utilizzato come sigla del Primo Festival del Mondo Arabo tenutosi a Santa Severina (KR) nel 2009 con la direzione artistica di Gianfranco Labrosciano. Il testo parla dell’incontro avvenuto nel 946 tra “Mata”, la donna meridionale, e “Grifone” il Moro Hassam Ibm Hammar che secondo la leggenda saccheggiò le coste della Calabria e della Sicilia ma finì per innamorarsi della bella Mata e i due infine si sposarono. L’unione tra Mata e Grifone è quindi assorta come metafora della convivenza pacifica tra il mondo arabo e l’Italia.

 

 

 

 

Mata e Grifone

 

Bella figliola nmienzu allu tilaru

Bella figliola de diamanti e d’oru

Chine te vida vida nu trisoru

Ca bella cchiu de tia    nun c’eri paru.

Principessa tu donna bannera

Chi quannu canti porti primavera

Quannu camini l’ariu se culura

Chine o respira de tia s’innamura.

 

 

Vicinu a porta tua  passau nu moru

Vientu de guerre d’armi e de terruri.

Quannu ne vitta c’annacquavi juri

De spina ch’era se fìcia rosa nera

Non fu sangue o tonu e cannoni

Non fu la guerra ma guerra d’amuri

Nasciu na stella ntra la notte scura

Na luce janca nmienzu alla fessura

 

Aquila re ssa via

tu chi vulare sai

me sunu fatta acquila pur io

ppe pue vulare insieme a ttia

u mare mare mare dell’anima mia

 nun se riposa mai

me para fermu ma s’agita

e l’anima s’agita

s’agita l’anima

s’agita l’anima mia.

 

 Ppe li bellizzi tue nun c’è parola

 Bella figliola fimmina e signora

 Chine circava gloria cu decori

 s’annammurò de tia figliola d’oru

 Principessa tu donna bannera

 Chi quannu canti porti primavera

 Quannu camini l’ariu se culura

 Chine o respira de tia s’innamura

 

 

Ho attraversato sabbie e dune desertiche

nelle notti della nera africa

 ma un vento caldo un vento ghibli mi spingeva via

dove il destino tuo si incrocia al mio

sul mare mare mare dell’anima mia

nun se riposa mai

me para fermu ma s’agita

e l’anima s’agita

s’agita l’anima                                               

s’agita l’anima mia.

 

 

    Mata e Grifone

 

 

 

 

    TESTO E MUSICA  Francesco Stumpo -

                                                     Francesca Loria

      Chitarra e Dintorni Portale

Casella di testo: World Music

Il presente sito non costituisce testata giornalistica, né ha carattere periodico, essendo aggiornato in relazione alla disponibilità e alla reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale, ai sensi della Legge n. 62 del 7-03-2001. Le fotografie pubblicate su questo sito, salvo diversa indicazione, sono copyright dei legittimi autori.