Casella di testo: Liutai

Il presente sito non costituisce testata giornalistica, né ha carattere periodico, essendo aggiornato in relazione alla disponibilità e alla reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale, ai sensi della Legge n. 62 del 7-03-2001. Le fotografie pubblicate su questo sito, salvo diversa indicazione, sono copyright dei legittimi autori.

Casella di testo: Casella di testo: Casella di testo: Casella di testo: Casella di testo: Casella di testo: Casella di testo: Casella di testo: Casella di testo: Casella di testo:

Davide Serracini

     a cura di Francesco Russo

 

Davide Serracini è nato nel 1978 a Ciampino, in provincia di Roma.
Diplomato alla
Civica Scuola di Liuteria di Milano, ha appreso dai maestri Lorenzo Lippi, Tiziano Rizzi e Aldo lllotta le tecniche per la costruzione degli strumenti musicali a pizzico, e il metodo filologico usato nello studio e nella ricostruzione di strumenti antichi e moderni.

Si è specializzato nella costruzione del
mandolino Romano (studiandone gli autori più importanti: DeSantis, Maldura ed Embergher)

Oggi costruisce chitarre classiche e acustiche (folk) oltre a chitarre dell'800, basate sui modelli dei Maestri Johann Georg Staufer e René La Cote.

I modelli di chitarra che costruisce seguono un progetto che, prendendo ispirazione dai grandi autori della liuteria classica Torres, Hauser, Romanillos,  
si sviluppa su una
linea personale di semplicità ed eleganza.

Ogni strumento della sua produzione è unico, perché non segue una produzione di serie.

La lavorazione completamente artigianale degli strumenti gode dell'ausilio di pochi e semplici macchinari elettrici.

La verniciatura è fatta con gommalacca data a tampone.
Il progetto attuale per la chitarra classica è volto alla costruzione di uno strumento pronto, con un elevato volume e comodo.

Allo stesso tempo, è di primo interesse la ricerca di un suono equilibrato sulle tutte le frequenze, un suono che sia “rotondo”, caldo e profondo, brillante sui cantini,
e mai aspro.

Un'attenzione particolare è rivolta alla regolazione dell'assetto e dell'intonazione nella lavorazione degli ossi.

Prevede una compensazione per l'osso del ponte differenziata per ogni corda, e una compensazione anche per il capotasto che supplisce ai problemi che affliggono soprattutto la terza corda.

 

                                                                                                                 Intervista       

Statistiche webCasella di testo: